• Principale
  • >
  • marketing
  • >
  • Le più recenti tendenze di Internet di Mary Meeker segnalano una necessità per i professionisti del marketing

Le più recenti tendenze di Internet di Mary Meeker segnalano una necessità per i professionisti del marketing

L'utilizzo di Internet mobile sta impennando oltre l'utilizzo del desktop. Il computing indossabile è pronto a soppiantare il mobile computing come la cosa nuova di zecca. I processi di business di base, cose come logistica, produzione e trasporti vengono reinventati. E i marketer stanno spendendo soldi nei posti sbagliati.

Questi sono i risultati di una nuova relazione sullo stato di Internet di Mary Meeker, partner di Kleiner Perkins Caufield & Byers, una delle migliori società di venture capital della Silicon Valley.

Meeker, un ex analista di Wall Street, pubblica una grande relazione una volta all'anno, esponendo le tendenze più importanti su Internet. Ed è tutto contenuto in questa SlideShare. Al di sotto di questo, ho anche tirato fuori alcune scoperte chiave che ho pensato che i marketer potrebbero essere particolarmente interessati.

Tendenze Internet KPCB 2013 di Kleiner Perkins Caufield & Byers

Informazioni interessanti per i marketer inbound

1) Gli Stati Uniti non sono il centro dell'universo di Internet. Alla fine del 2012 c'erano 2, 4 miliardi di persone su Internet, in aumento dell'8% rispetto all'anno scorso. Il paese con la crescita più rapida degli utenti di Internet lo scorso anno: l'Iran, in rialzo del 205%. Gli Stati Uniti sono al decimo posto per numero di nuovi utenti internet aggiunti lo scorso anno (ne abbiamo aggiunti 18 milioni), e siamo il secondo più grande in assoluto, con 244 milioni. La Cina è al primo posto, con 564 milioni.

2) I soldi degli annunci vanno nei posti sbagliati. C'è un enorme divario tra la quantità di tempo che la gente spende sui dispositivi mobili e la quantità di spesa pubblicitaria indirizzata ai dispositivi mobili. Il cellulare occupa il 12% del nostro tempo, ma riceve solo il 3% della spesa pubblicitaria. I supporti di stampa sono l'opposto, ottenendo il 6% del nostro tempo, ma assorbendo il 23% degli annunci pubblicitari. Conclusione: aspettatevi di vedere i soldi uscire da uno di quei secchi e nell'altro.

3) Il contenuto sta esplodendo. La quantità di informazioni digitali create in tutto il mondo, taggate e condivise è cresciuta di 9 volte negli ultimi cinque anni e dovrebbe quadruplicare di nuovo entro il 2015.

4) La forma breve è calda. Il numero di Snapchat di Snapchat al giorno è cresciuto fino a 150 milioni ad aprile, rispetto alla metà di due mesi prima e praticamente zero un anno fa. Ad aprile, Vine veniva utilizzata dall'8% dei possessori di iPhone, in aumento dal 2% di gennaio.

5) Google+ sta facendo meglio di quanto pensi. Ora è il sito dei social media numero 4, dietro Facebook, YouTube e Twitter. E si sta chiudendo su Twitter.

6) Il cellulare continua a crescere. Il traffico mobile rappresenta il 15% di tutto il traffico Internet, contro meno dell'1% nel maggio 2009. A questo punto il prossimo anno il mobile dovrebbe avvicinarsi al 25% del traffico Internet globale. Oggi in Cina più persone accedono al web tramite dispositivi mobili che tramite PC.

7) Il web sta per diventare molto più grande. Il computing indossabile dovrebbe essere persino più grande di quello mobile. Ogni ciclo di elaborazione (mainframe, minicomputer, PC, desktop internet, mobile) porta un pubblico più vasto. Meeker ritiene che la tendenza continuerà con gli indossabili. E mentre possiamo ridere di Google Glass, ricorda che la gente rideva anche ai PC. Diamine, Barron è famoso per aver deriso che Amazon.com dovrebbe essere chiamato "AMAZON.BOMB".

8) Non produciamo abbastanza techies. Negli Stati Uniti, cinque società - IBM, Intel, Microsoft, Oracle e Qualcomm - hanno 10.000 posti di lavoro in questo momento. Ogni anno ci si laurea su 51.474 major in informatica per 122.300 aperture di lavoro che richiedono una laurea in informatica.

Cosa ne pensi del rapporto di quest'anno? Cosa ti distingue per l'industria del marketing in entrata?

Credito immagine: giuseppe.costantino

Articolo Precedente «
Articolo Successivo