Le persone rubano i tuoi contenuti? Come (e quando) combattere

Se stai bevendo il marketing inbound Kool-Aid e pubblichi regolarmente contenuti online, ci sono buone probabilità che tu abbia subito furto di contenuti in un punto o nell'altro. Molti di noi hanno fin troppo familiarità con i sentimenti che seguono la scoperta del furto di contenuti: il tuo stomaco cade, seguito rapidamente da pensieri di "Perché io?" Quindi la rabbia entra.

Hai passato ore (o anche giorni) a creare contenuti che ritieni possano piacere ai tuoi compratori, solo per far sì che qualcun altro raccolga i benefici sul proprio sito? Non fantastico Nel tuo nucleo, è molto sbagliato avere qualcuno che tragga beneficio dalla tua creatività e dal tuo duro lavoro.

Per aiutare a combattere i ladri di internet del mondo, devi essere preparato. Devi sapere come scoprire se i tuoi contenuti sono stati rubati, avere una buona comprensione delle leggi e determinare se vale la pena dedicare il tuo tempo - e questo è solo l'inizio. Quindi, devi sapere quali misure adottare per far rimuovere il ladro dai tuoi contenuti e come impedirne il furto in futuro.

Questo sicuramente non è qualcosa che vuoi affrontare ogni giorno. Dopotutto, hai firmato per diventare un marketer, non la polizia dei contenuti. Per aiutare, questo post ti mostrerà come valutare la tua particolare situazione di contenuti rubati e creare un piano per combattere (o meno). Se stai cercando una rapida panoramica del processo, controlla la nostra SlideShare di seguito:

Le persone rubano i tuoi contenuti? Come (e quando) combattere dal software di marketing All-in-One di SeoAnnuaire

Usa la tecnologia a tuo vantaggio: come fai a sapere quando qualcuno ruba i tuoi contenuti?

Per prima cosa: devi scoprire che il tuo contenuto è stato preso senza il tuo esplicito permesso e determinare se viola la clausola sul copyright del fair use (ne parleremo più avanti). Con il numero in continua espansione di siti Web nel mondo, rintracciare i contenuti rubati non è sempre facile. Ecco alcuni modi per trovarlo:

  • Copyscape : basta collegare l'URL della tua pagina nella casella di ricerca, e voilà! Copyscape individua dove i tuoi contenuti appaiono altrove online. Nella versione gratuita, puoi vedere solo i primi 10 risultati. Se si desidera un report più affidabile, è possibile registrarsi per la versione a pagamento. Ci sono anche molti altri strumenti che possono aiutarti a trovare e indirizzare i contenuti rubati, incluso Searchlight dei clienti di SeoAnnuaire.
  • Traffico referral : immergiti nelle tue analisi di marketing per vedere quali siti ti stanno inviando traffico. Vedi il picco del traffico da una fonte specifica o solo una fonte che non riconosci? Dai un'occhiata per vedere se il tuo contenuto appare lì.
  • Pingback : A seconda del tuo sistema di gestione dei contenuti, potresti avere la possibilità di essere avvisato ogni volta che un sito rimanda a un post. Se qualcuno esegue direttamente la copia dei tuoi contenuti e li incolla sul suo sito, questo è un modo davvero semplice per essere avvisati - nessuna analisi necessaria.
  • Posta in arrivo di Google Alert, Topsy e SeoAnnuaire : qualunque strumento tu preferisca, puoi impostare degli avvisi per eseguire il ping quando qualcuno menziona i tuoi contenuti online. Tieni presente che dovrai utilizzare una combinazione per rimanere aggiornato sui tuoi contenuti sul Web: mentre Google Alert era il punto di riferimento per i professionisti del marketing che desideravano monitorare il loro marchio o contenuto online, recentemente stato restituendo sempre meno risultati. Per assicurarti di coprire tutte le tue basi, puoi utilizzare Google Alert per estrarre informazioni da siti Web e blog, Topsy per monitorare le conversazioni Google+ e Twitter e Posta in arrivo SeoAnnuaire per vedere chi tra i tuoi elenchi di contatti menziona il tuo marchio o parole chiave su Twitter. ( Suggerimento bonus: alcune aziende tracciano una frase specifica nella parte inferiore di ogni parte del contenuto pubblicato, che può essere più efficace rispetto al tentativo di monitorare una frase diversa per ogni parte di contenuto che producono).
  • Ricerche manuali : hai anche la possibilità di cercare manualmente i tuoi contenuti. Per i contenuti scritti, cerca una frase long-tail - che sia quella specifica che inserisci in fondo a ogni post o solo un estratto dal testo del corpo - per trovare i tuoi contenuti più rapidamente. Per i contenuti visivi, utilizza la ricerca di immagini di Google. Questa è sicuramente l'opzione più dispendiosa in termini di tempo, ma è il modo più efficace per difendere in modo aggressivo i tuoi contenuti.

Dopo aver utilizzato questi metodi per scoprire se il tuo contenuto è stato rubato, non sei ancora pronto per iniziare a contattare il proprietario del sito ladro. Prima di iniziare a inviare email di scarto ai ladri di contenuti e a segnalarli a Google, devi assicurarti di avere una piena comprensione della situazione. Infatti, a volte le persone possono riutilizzare legalmente parti dei tuoi contenuti. Quindi, prima di entrare in azione, prendiamo un secondo per identificare se l'altra persona è autorizzata a utilizzare i tuoi contenuti in primo luogo.

Valutare la situazione: il tuo contenuto è stato rubato davvero ?

Anche se hai scoperto un sito Web o un blog con i tuoi contenuti, potrebbe non essere necessariamente una violazione del copyright. Non appena pubblichi contenuti originali online (visivi o di testo), è protetto dalla legge sul copyright - non è richiesto alcun simbolo di copyright. Ciò significa che gli altri non possono ripubblicare o riutilizzare i tuoi contenuti senza il tuo esplicito permesso, a meno che non rispettino le regole previste dalla clausola sull'uso corretto della legge sul copyright.

Fondamentalmente, la clausola sull'uso equo afferma che le persone hanno diritti limitati per usare il tuo contenuto originale purché l'uso dei tuoi contenuti sia ritenuto "equo" - un termine un po 'nebuloso che è stato definito dai tribunali nel tempo in scenari del mondo reale come citazione di brevi brani in un'opera erudita o tecnica, uso di un'opera per commento o critica dell'opera, uso in una parodia, riassunto di un articolo con brevi citazioni in un notiziario e riproduzione di uno studente o di un insegnante a fini di insegnamento.

Ma dove traccia la linea tra fair use e infrazione? Sfortunatamente, non esiste una definizione chiara di cosa sia esattamente il fair use e di cosa non lo sia. Il governo dice: "La distinzione tra ciò che è giusto e ciò che è infrazione in un caso particolare non sarà sempre chiaro o facilmente definito. Non esiste un numero specifico di parole, righe o note che possano essere prese senza autorizzazione. Il riconoscimento della fonte del materiale protetto da copyright non sostituisce l'ottenimento del permesso. "La definizione del fair use esula dallo scopo di questo post, ma se vuoi immergerti nella natura della legge sul copyright, inizia con questa fantastica panoramica della fiera utilizzare sul blog SEOmoz e questo post di plagio oggi sui diversi tipi di violazione del copyright.

Allora, dove ti lascia? Come marketer, vuoi essere sicuro di non rubare il contenuto di altre persone, e vuoi anche proteggere il contenuto che è giustamente tuo. Una cosa che non è probabilmente protetta in base al fair use è una copia speculare di parti significative dei tuoi contenuti utilizzati a fini commerciali. Se stai cercando copie di testo completo dei tuoi contenuti pubblicati su altri siti web senza la tua autorizzazione - anche se ti attribuiscono il contenuto - hai una buona base secondo la legge sul copyright per contattarli e rivendicare i tuoi diritti esclusivi uso. Potrebbe essere complicato se si scopre che i siti Web utilizzano solo una parte dei contenuti con un link alla fonte originale (questo potrebbe potenzialmente rientrare in "fair use"), quindi sarebbe meglio consultarsi con l'avvocato della propria azienda prima di raggiungere fuori a loro.

In fin dei conti, c'è spesso una linea grigia tra il fair use e la violazione del copyright, ma il punto d'appoggio è sempre quello di esaminare se qualcosa potrebbe essere considerato fair use prima di addebitare i reclami di violazione del copyright.

Rimosso i tuoi contenuti Rimosso: vale la pena combattere?

Quindi hai scoperto che qualcuno sta rubando il tuo lavoro e determinato che non rientra in "fair use" ... quali sono le prospettive? Prima di iniziare il percorso potenzialmente lungo di cercare di rimuovere i tuoi contenuti, dovresti determinare se vale davvero la pena combattere in primo luogo. Sebbene il contenuto rubato possa sembrare un problema in bianco e nero, ci sono spesso sfumature alla situazione che non dovrebbero essere ignorate.

Lascia che ti racconti una storia per darti un'idea di quanto possa essere complicato. In un precedente lavoro, ho scoperto che un nostro cliente stava copiando post sul blog che ho scritto e incollato, parola per parola, sul blog della sua azienda. Questi erano 1.000-1.500 post di parole ... non alcuni contenuti di cambiamento chump. Per quanto volessi spaventare il ladro di contenuti, non sarebbe stato il modo più intelligente di agire - avevamo già un ottimo rapporto con il cliente, e non volevo perdere il lavoro su alcuni post del blog . Alla fine, ho finito per inviarle una bella e-mail che spiegava il problema, e lei ha rimosso il contenuto entro un'ora. Valutando la situazione prima di iniziare una guerra con le fiamme su Internet, sono stato in grado di salvare la relazione con il nostro cliente ... e proteggere i nostri contenuti.

Un'altra situazione in cui potresti imbatterti è un sito Web o un'azienda più popolare della tua stessa che ruba i tuoi contenuti. Chiediti: "I contenuti rubati aumenteranno il traffico sul mio sito web o ci daranno più esposizione del marchio?" Se stai ricevendo un sacco di traffico da un sito o pensi che il ladro di contenuti possa legittimamente darti più portata della sola rete attuale, potresti considerare di lasciarlo stare. Anche se la possibilità che i visitatori di altri siti web facciano clic sul tuo sito Web sia limitata, il sito web potrebbe finire per indirizzare più traffico verso il tuo sito, guidare i lead verso il basso nella tua canalizzazione e forse anche portare alcuni clienti. In definitiva, dovresti sempre considerare chi sta rubando i tuoi contenuti e la quantità di traffico che ti stanno inviando prima di prendere una decisione. Se hai una relazione precedente con loro, ti stanno inviando visualizzazioni di pagina e lead, o ti stanno dando visibilità al pubblico che desideri, potrebbe non essere strategico causare un putiferio sui contenuti rubati finché sono attribuendo e collegandoti a te.

Vuoi combattere la lotta: quali sono i prossimi passi?

Se hai deciso che vuoi davvero andare avanti con la lotta per rimuovere i tuoi contenuti, ci sono alcuni passi da fare per evitare di sprecare tempo e fatica.

1) Screenshot. Immagine dello schermo. Immagine dello schermo.

Dovrei dirlo di nuovo? È davvero così importante. Cattura subito uno screenshot del contenuto offensivo. In questo modo hai delle prove quando tocchi. Assicurati di avere una pagina intera (o almeno un'immagine di tutto il contenuto che è stato rubato) e l'URL del sito in modo che altri possano potenzialmente trovare il sito Web se necessario in un secondo momento.

Hai strumenti per farlo direttamente nel tuo sistema operativo (Stampa schermata su Windows o Command + Maiusc + 3 su Mac), ma se vuoi essere in grado di annotare e ritagliare nel tuo browser, prova Screenshot impressionante per Chrome o Fireshot per Firefox.

2) Invia direttamente l'autore del reato.

Ripensa all'asilo per questo - a nessuno piace un pettegolezzo. Soprattutto se devi mantenere una relazione con l'autore del reato, è importante contattare direttamente la persona prima di segnalare il problema a Google. (Come bonus, di solito puoi beneficiare di tempi di consegna molto più rapidi!)

Se l'indirizzo e-mail del colpevole non è facilmente reperibile sul suo sito Web, è possibile eseguire una ricerca dominio whois per trovarlo - ogni volta che si registra un nome di dominio, è necessario inviare le informazioni di contatto, anche se non è sempre disponibile al pubblico. Se le informazioni sulla registrazione del dominio sono private, puoi utilizzare un semplice plug-in di Google Chrome chiamato Rapportive e alcuni minuti di tentativi ed errori per trovare l'indirizzo email di qualcuno - ecco un tutorial per mostrarti come.

Una volta trovato l'indirizzo e-mail del colpevole, cerca di rimanere civile ma fermo nel corpo della tua e-mail - come si suol dire, puoi prendere più mosche con il miele che con l'aceto. Collega allo specifico contenuto del tuo sito che la persona ha rubato e il link al contenuto rubato, nota che deve essere solo un errore (giusto?) E menzionare quali saranno i prossimi passi se lui o lei non essere conforme Dovrai coinvolgere il fornitore di hosting o intraprendere un'azione legale? Qui, un accenno a un'azione legale può fare molto.

3) Se fallisce, segnala l'autore del reato ai motori di ricerca o ai provider di hosting.

A seconda di come va la comunicazione e-mail con l'autore del reato e di quanto tempo si vuole investire per rimuovere il contenuto rubato, è possibile inviare manualmente una richiesta per rimuovere il contenuto dai motori di ricerca o contattare il fornitore di hosting. Il Digital Millennium Copyright Act (DMCA) richiede che i fornitori di hosting e altri processori di informazioni digitali seguano una procedura piuttosto irreggimentata per rimuovere materiale illecito. Per trovare le informazioni sul provider di hosting, è possibile utilizzare la stessa ricerca del dominio whois menzionata sopra.

Se desideri entrare direttamente in contatto con i motori di ricerca, ecco i link per inviare una richiesta di rimozione dei contenuti:

  • Google
  • Bing
  • Yahoo!

Dopo aver inviato una richiesta di rimozione DMCA, devi solo aspettare. Potrebbe essere tra poche ore e alcune settimane prima che i tuoi contenuti vengano rimossi. Fortunatamente, probabilmente non raggiungerai nemmeno l'ultimo passaggio. La maggior parte dei ladri è desiderosa di rimuovere i contenuti se si menzionano potenziali azioni legali nel secondo passaggio. Detto questo, sarebbe molto più facile impedire loro di rubarlo in primo luogo ...

Ferma il crimine prima che accada: come puoi impedire ai ladri di Internet di rubare i tuoi contenuti?

Combattere contro i ladri di contenuti può essere estenuante. Hai già passato del tempo a fare brainstorming di idee creative, ad accartocciarti per produrre il contenuto e a modificare completamente il tuo lavoro. Chi vuole passare il resto della giornata a combattere i truffatori di internet? Sebbene non ci sia nulla che possa impedire alle persone di rubare il tuo contenuto il 100% delle volte, seguire questi suggerimenti ti aiuterà sicuramente:

  • Visualizza in modo prominente le informazioni sul copyright. Non influirà sulla copertura del copyright, ma puoi includere un banner di frase sul copyright nel piè di pagina dei tuoi contenuti per ricordare ai lettori di tenere le mani lontane. Sia Copyscape che DMCA.com hanno banner gratuiti che puoi includere sul tuo sito.
  • Creare linee guida per l'utilizzo del contenuto. Parte della metodologia di marketing in entrata è quella di creare contenuti che le persone vorranno naturalmente condividere, così da non voler dissuadere completamente i fan entusiasti dal promuovere i tuoi contenuti in modo corretto. Risolvi la confusione su come le persone possono utilizzare i tuoi contenuti creando linee guida sull'utilizzo. Le Linee guida sull'utilizzo dei contenuti di SeoAnnuaire, ad esempio, illustrano come le persone possono citare e condividere i post del nostro blog, i grafici, le presentazioni e altri contenuti. ( Suggerimento bonus: il riferimento a queste linee guida di utilizzo nelle e-mail ai ladri di contenuti è particolarmente utile, in quanto stabilisce uno standard per la modalità di condivisione dei contenuti.)
  • Imposta Google Search Authorship per rivendicare i tuoi contenuti come tuoi. Oltre a generare ancora più clic dalla ricerca, Google Authorship aiuta a impedire il furto dei tuoi contenuti. In questo modo, ogni volta che pubblichi online, questo verrà collegato per primo a te, in ultima analisi, aiutandoti a evitare il fastidioso problema dei contenuti duplicati con Google. Se hai bisogno di aiuto per la configurazione di Google Search Authorship, consulta questa guida.
  • Pubblica alcuni paragrafi nel tuo feed RSS con link a tutto il contenuto. Alcuni ladri di contenuti utilizzano i robot per estrarre i contenuti direttamente dai feed RSS full-text. Oppure, se tu ei tuoi lettori preferite i feed RSS full-text, includete una frase come "Questo è il contenuto originale da [inserire il nome della società]" con un link al contenuto originale. Se il ladro non si preoccupa di rimuovere il link, il link al post originale consentirà a Google di sapere che il tuo contenuto è la fonte originale.
  • Sui contenuti visivi, includi il logo del tuo marchio. È molto più difficile per i ladri di contenuti rimuovere i loghi dei marchi dai contenuti visivi piuttosto che eliminare o modificare il testo. Posizionando il tuo logo sul tuo contenuto visivo puoi far credere ai ladri due volte di rubarlo o almeno darti credito ovunque sia pubblicato online.

Vogliamo creare persone che amano il marketing, non rubare le persone al marketing. Anche se non esiste un modo efficace al 100% per impedire alle persone di rubare i tuoi contenuti, sapere cosa fare quando i tuoi contenuti vengono rubati e come impedire che ciò accada in futuro ti aiuterà a mantenere i tuoi contenuti di marketing sani e salvi.

Hai mai rubato i tuoi contenuti? Come hai reagito? Condividi le tue storie e i tuoi consigli con noi nei commenti!

Articolo Precedente «
Articolo Successivo