• Principale
  • >
  • opinione
  • >
  • 3 domande Startup devono chiedere prima di fare qualsiasi marketing a tutti

3 domande Startup devono chiedere prima di fare qualsiasi marketing a tutti

Quindi stai gestendo una startup, e stai morendo dalla voglia di uscire e iniziare a fare marketing, perché dannatamente tutto ciò che hai appena ottenuto è la migliore idea di sempre e vuoi che il mondo intero sappia quanto sei fantastico e se solo potessi avere un po 'di attenzione e qualche ronzio, allora avresti dei contatti, e se avessi dei contatti allora avresti dei clienti, e allora i tuoi clienti direbbero a tutti quanto sei bravo e la tua attività esploderà e molto presto saresti sulla copertina di BusinessWeek.

Bene, aspetta.

Non così in fretta, dice Drew Williams, un guru del marketing e autore di "Feed the Startup Beast: una guida in 7 fasi alla crescita di vendite grandi, pelose e oltraggiose".

In un pezzo davvero ottimo su Quartz, la Williams dice che la maggior parte delle startup non dovrebbe spendere nemmeno un dollaro per il marketing - non prima di avere una buona visione di se stessi e capire se hanno davvero qualcosa di cui vantarsi. E le uniche persone che possono dirti che sono i tuoi clienti.

Ecco le tre domande che dice che devi chiedere loro:

  1. Cosa dovremmo smettere di fare?
  2. Cosa dovremmo continuare a fare?
  3. Cosa dovremmo iniziare a fare?

Dolorosamente onesto

Williams racconta la storia di una società di design che è stato assunto per consigliare. La compagnia aveva attraversato un periodo di rapida crescita, ma ora le cose si stavano appiattendo. L'amministratore delegato ha pensato che la risposta fosse di pompare un po 'di soldi nel marketing.

La cosa facile da fare, ovviamente, sarebbe prendere i soldi e fare del marketing. Ma Williams ha raccomandato alla società di iniziare a sondare i clienti. Hanno scoperto che solo il 33% dei clienti amava la compagnia abbastanza da riferirli a un amico.

Gli altri hanno detto che gli piaceva il lavoro di progettazione della compagnia, ma odiavano trattare con il dipartimento di fatturazione, che ha fatto molti errori.

La lezione: "Se avessimo incaricato una campagna di marketing in piena regola, la società di progettazione avrebbe speso un sacco di soldi esponendo la sua debolezza a un numero maggiore di persone", scrive Williams.

In altre parole: quei mercatini di marketing non avrebbero aiutato, e in effetti potrebbero aver danneggiato il business.

Il marketing non può superare la mediocrità

Che porta in primo piano il tema delle startup. Williams sostiene che il marketing non aiuta la maggior parte delle startup e per una ragione brutale (ma probabilmente vera): la maggior parte delle startup non è eccezionale. Sono mediocri, motivo per cui la maggior parte di loro si spegne entro cinque anni.

Williams non è unico nel dire questo. Recentemente abbiamo scritto di un ex dirigente di Wal-Mart che sta discutendo lo stesso punto. ("Non hai bisogno di marketing migliore, devi essere un'azienda migliore!")

Jeff Rosenblum fa un punto simile nel suo documentario, The Naked Brand, sostenendo che i clienti ora hanno tutto il potere, e non c'è modo di ingannarli con pubblicità ingannevole o manipolativa.

Qui a SeoAnnuaire, questa è musica per le nostre orecchie. Questo è, infatti, il tema principale del canale "Su e Giusta": i clienti hanno il controllo, e non ha senso combattere questo. Invece, ascoltali e migliorati.

Allora, e solo allora, avrai le basi per una grande campagna di marketing.

Articolo Precedente «
Articolo Successivo